Risoluzione dei problemi DNS

 

Si applica a: Office 365 for professionals and small businesses, Office 365 for enterprises, Live@edu

Ultima modifica dell'argomento: 2011-12-16

Se si rilevano problemi di flusso di posta nell'organizzazione di Exchange basata su cloud o problemi nell'apertura di una cassetta postale basata su cloud mediante Outlook, è possibile utilizzare l'Analizzatore connettività remota di Microsoft Exchange (ExRCA) per verificare il dominio. In alternativa, è possibile utilizzare l'utilità della riga di comando Nslookup per visualizzare i record DNS per il dominio.

Verificare il dominio con l'Analizzatore connettività remota di Exchange

Utilizzare le prove disponibili all'indirizzo https://www.testexchangeconnectivity.com per risolvere i problemi seguenti relativi al dominio:

Nota   ExRCA dispone di molte altre prove che è possibile eseguire sul dominio. Tuttavia, alcune di queste sono attinenti solo a un'organizzazione di Microsoft Exchange locale.

Verificare il flusso di posta in arrivo

Per verificare il flusso di posta in arrivo utilizzando ExRCA, selezionare Posta elettronica SMTP in ingresso in Prove di posta elettronica Internet. Tramite questa prova vengono recuperati tutti i record MX disponibili per il dominio, dopodiché vengono effettuate le prove seguenti su ogni record MX:

  1. Risoluzione del nome host specificato nel record MX in un indirizzo IP.

  2. Test della connettività sulla porta TCP 25 al nome host specificato nel record MX. La porta TCP 25 è la porta utilizzata da SMTP.

  3. Invio di un messaggio di posta elettronica di prova a un account nel dominio specificato.

  4. Test del nome host specificato nel record MX per l'inoltro aperto. Tramite l'inoltro aperto i messaggi vengono nuovamente inviati o "inoltrati" utilizzando un server diverso per mascherare la vera origine dei messaggi. Si noti che questa ultima prova è irrilevante per Exchange basato su cloud perché non configurabile come inoltro aperto, si tratti o meno di un'operazione intenzionale.

Utilizzare la prova posta elettronica SMTP in ingresso per verificare il flusso di posta e per verificare il record MX utilizzato per il routing della posta per il dominio

  1. Aprire https://www.testexchangeconnectivity.com.

  2. In Prove di posta elettronica Internet selezionare Posta elettronica SMTP in ingresso, quindi scegliere Avanti.

  3. Nella sezione Posta elettronica SMTP in ingresso immettere l'indirizzo di posta elettronica di un account nel dominio, ad esempio admin@contoso.edu.

    Nota   La prova prevede l'invio di un messaggio all'account di posta elettronica specificato. Se nel dominio basato su cloud non sono disponibili account funzionanti, questa parte della prova non verrà completata.

  4. Nella sezione Verifica digitare le lettere visualizzate nell'immagine CAPTCHA, quindi scegliere Esegui prova.

  5. Al termine del test, è possibile effettuare le operazioni seguenti:

    • Scegliere Copia per salvare le informazioni nel report. È quindi possibile incollare le informazioni in un file di testo.

    • Scegliere Espandi tutto per visualizzare i risultati della prova.

Se è stato inoltre creato un record MX per dimostrare la proprietà del dominio, l'esito della prova Posta elettronica SMTP in ingresso complessiva sarà sempre negativo. Per capire i risultati della prova, esaminare la sezione Passi della prova. Per ogni record MX, verranno visualizzate due prove Verifica di Mail Exchanger:

  • Verifica di Mail Exchanger <token>.mail.outlook.com.   Consente di verificare il record MX utilizzato per il routing della posta. Questo passaggio e tutti quelli secondari devono essere completati.

  • Verifica di Mail Exchanger <token>.msv1.invalid.   Consente di verificare il record MX utilizzato per la prova della proprietà del dominio. Questa prova avrà sempre esito negativo in quanto il record MX non è progettato per instradare la posta elettronica.

Inizio pagina

Verificare la connettività di Outlook a una cassetta postale

Per verificare la connettività di Outlook a una cassetta postale utilizzando ExRCA, selezionare Individuazione automatica di Outlook in Prove di connettività di Microsoft Office Outlook. Questo test utilizza tre metodi diversi per contattare il servizio Autodiscover. È previsto che solo il "Metodo di reindirizzamento HTTP" abbia esito positivo. Il test prevede le operazioni seguenti:

  1. Risoluzione dell'host "individuazione automatica.<nome dominio>" in un indirizzo IP.

  2. Test della connettività sulla porta TCP 80 all'host "individuazione automatica.<nome dominio>". La porta TCP 80 è la porta utilizzata da HTTP.

  3. Test di "individuazione automatica.<nome dominio>" per una risposta di reindirizzamento HTTP.

  4. Test della validità dell'URL di reindirizzamento HTTP dal risultato precedente.

Utilizzare la prova Individuazione automatica di Outlook per verificare la connettività di Outlook a una cassetta postale e per verificare il record CNAME di individuazione automatica per il dominio

  1. Aprire https://www.testexchangeconnectivity.com.

  2. In Test di connettività di Microsoft Office Outlook selezionare Outlook Autodiscover, quindi scegliere Avanti.

  3. Nella sezione Individuazione automatica di Outlook immettere le informazioni seguenti:

    • Indirizzo di posta elettronica   Immettere l'indirizzo di posta elettronica di un account nel dominio basato su cloud, ad esempio testuser@contoso.edu.

    • Dominio\Nome utente (o UPN)   Immettere lo stesso indirizzo di posta elettronica immesso nel campo precedente, ad esempio admin@contoso.edu.

    • Password   Immettere e confermare la password per l'account specificato nei passaggi precedenti.

    • Ignora trust per SSL   Lasciare questa casella deselezionata.

  4. Selezionare la casella di controllo per riconoscere l'avviso di protezione.

    Nota   Come descritto nell'avviso di protezione e nella sezione Avviso, è consigliabile, se possibile, utilizzare un account di prova temporaneo ed eliminarlo alla fine del test.

  5. Nella sezione Verifica digitare le lettere visualizzate nell'immagine CAPTCHA, quindi scegliere Esegui test.

  6. Al termine del test, è possibile effettuare le operazioni seguenti:

    • Scegliere Copia per salvare le informazioni nel report. È quindi possibile incollare le informazioni in un file di testo.

    • Scegliere Espandi/Comprimi per visualizzare i risultati del test.

Prestare particolare attenzione ai risultati della prova in "Tentativo di contattare il servizio di individuazione automatica tramite il metodo di reindirizzamento HTTP". Tutte le prove dovrebbero avere esito positivo se il record CNAME di individuazione automatica per il dominio basato su cloud è configurato correttamente.

Si noti che le prove seguenti in "Tentativo di ogni metodo per contattare il servizio di individuazione automatica" avranno esito negativo anche se il record CNAME di individuazione automatica è configurato correttamente:

  • Tentativo di testare l'URL di individuazione automatica potenziale https://<nome dominio>/AutoDiscover/AutoDiscover.xml

  • Tentativo di testare l'URL di individuazione automatica potenziale https://autodiscover.<nome dominio>/AutoDiscover/AutoDiscover.xml

Inizio pagina

Visualizzare i record DNS con Nslookup

È possibile utilizzare lo strumento Nslookup fornito con qualsiasi versione di Microsoft Windows per visualizzare i record DNS per il dominio.

Nota   Le restrizioni del firewall o del proxy Internet applicate alla rete interna dell'organizzazione potrebbero impedire il funzionamento corretto dello strumento Nslookup.

Nei passaggi seguenti digitare sempre il nome di dominio con un punto finale. Il punto finale (.) indica un nome di dominio completo (FQDN). Utilizzare il punto finale per evitare l'aggiunta non intenzionale al nome di dominio di suffissi DNS predefiniti configurati per la rete.

Visualizzare i record MX

Aprire un prompt dei comandi ed eseguire il comando indicato di seguito:

Nslookup -type=MX <domain name>.

Se il nome di dominio è ad esempio contoso.edu, eseguire il comando indicato di seguito:

Nslookup -type=MX contoso.edu.

Si noti il punto finale dopo il nome di dominio. Se si dispone di due record MX, uno per dimostrare la proprietà del dominio e uno per il eseguire il routing della posta, l'output del comando sarà simile al seguente:

contoso.edu   MX preference=10, mail exchanger = e0e792760b25459f40912aae164e0a.mail.outlook.com
contoso.edu   MX preference=100, mail exchanger = msv1.invalid

Inizio pagina

Visualizzare il record CNAME di individuazione automatica

Aprire un prompt dei comandi ed eseguire il comando indicato di seguito:

Nslookup -type=CNAME autodiscover.<domain name>.

Se il nome di dominio è contoso.edu, eseguire il comando indicato di seguito:

Nslookup -type=CNAME autodiscover.contoso.edu.

Si noti il punto finale dopo il nome di dominio. L'output del comando potrebbe essere simile a quello riportato di seguito:

autodiscover.contoso.edu   canonical name = autodiscover.contoso.edu

Inizio pagina

Visualizzare i record TXT

Aprire un prompt dei comandi ed eseguire il comando indicato di seguito:

Nslookup -type=TXT <domain name>.

Se il nome di dominio è ad esempio contoso.edu, eseguire il comando indicato di seguito:

Nslookup -type=TXT contoso.edu.

Si noti il punto finale dopo il nome di dominio. Se si dispone di due record TXT, uno per assicurarsi che i sistemi di posta elettronica di destinazione considerano attendibili i messaggi inviati dal dominio e uno per dimostrare la proprietà del dominio, l'output del comando sarà simile al seguente:

contoso.edu   text = "v=spf1 include:outlook.com ~all"
contoso.edu   text = "v=msv1 t=e0e792760b25459f40912aae164e0a"

Inizio pagina

Visualizzare i record SRV

Nota   Il record SRV descritto in questo esempio viene utilizzato solo in Live@edu.

Aprire un prompt dei comandi ed eseguire il comando indicato di seguito:

Nslookup -type=SRV _sipfederationtls._tcp.<domain name>.

Se il nome di dominio è ad esempio contoso.edu, eseguire il comando indicato di seguito:

Nslookup -type=SRV _sipfederationtls._tcp.autodiscover.contoso.edu.

Si noti il punto finale dopo il nome di dominio. L'output del comando potrebbe essere simile a quello riportato di seguito:

_sipfederationtls._tcp.contoso.edu   SRV service location:
   priority    = 10
   weight    = 2
   port    = 5061
   svr hostname    = federation.messenger.msn.com

Inizio pagina

Risolvere i problemi relativi ai risultati di Nslookup

Se alcuni record DNS non sono corretti o i servizi associati ai record DNS non funzionano, si considerino le cause possibili seguenti:

  • È molto facile commettere un errore di battitura durante la creazione di un record. Assicurarsi di avere utilizzato i valori corretti per la creazione dei record DNS.

  • Alcuni servizi di hosting DNS supportano la gestione di più domini utilizzando la stessa interfaccia di gestione Web, pertanto richiedono l'immissione di @ per specificare il nome di dominio padre per alcuni tipi di record DNS. L'immissione del nome di dominio effettivo anziché @ può causare risultati imprevisti nel record DNS.

  • È possibile che alcuni servizi di hosting DNS non supportino un valore di priorità MX pari a 0. Anziché 0, provare a utilizzare 10 nel record di routing della posta MX.

Inizio pagina

 
Argomenti correlati
Caricamento in corso...
Nessuna risorsa trovata.